Torna all'indice

Rosmarino


Scritto da Simona

Valutazione

ingrediente sicuro

Rosmarinus officinalis

Il rosmarino è una pianta aromatica della famiglia delle Lamiaceae con foglie molto profumate. Originaria dei paesi del Mediterraneo, cresce spontanea lungo la fascia costiera e fino a 1500 m s.l.m. L’etimologia del suo nome è abbastanza controversa: secondo alcuni deriverebbe dal latino ros «rugiada» e maris «mare» vale a dire «rugiada del mare» In ogni modo, qualunque sia la sua origine, è sempre strettamente legata al mare.

E’ un arbusto perenne sempreverde e cespuglioso, il suo fusto inizialmente è prostrato, ma con il tempo diviene eretto e ramificato. Le foglie sono verde scuro, più chiare nella pagina inferiore, riunite nei rametti giovani e inserite a 2 a 2 nei nodi. I fiori sono piccoli, raccolti a grappolo, di color azzurro-viola con sfumature di lilla. Fiorisce fra marzo ed ottobre.

È una pianta ricchissima di oli essenziali, flavonoidi, tannini e contiene anche l’acido rosmarinico dalla proprietà antiossidante. Molti studi, infatti, hanno dimostrato che i principi attivi del rosmarino hanno la capacità di inibire l’anione superossido, un radicale libero molto tossico e reattivo, responsabile dell’ossidazione cellulare.

In aromaterapia, grazie alla presenza dei già menzionati oli essenziali che conferiscono alla pianta una potente azione antibatterica e antisettica, è impiegato come pianta balsamica utile in caso di raffreddore e tosse. Sempre la sua essenza svolge un’azione energizzante sull’organismo e sulla psiche, utilissima in caso di esaurimento psicofisico, stanchezza e depressione.

La versatilità di questa erba aromatica la rende un prezioso ingrediente da impiegare anche ad uso cosmetico: è infatti un ottimo astringente e dermopurificante che può essere utilizzato per la cura della pelle grassa. L’idrolato di rosmarino, ottenuto dalla distillazione a vapore delle foglie della pianta, può essere usato inoltre come tonico per la cura dell’acne, dato che lenisce le imperfezioni e contrasta la proliferazione batterica responsabile dell’insorgere di nuovi brufoli.

L’idrolato di rosmarino è ottimo anche sui capelli, soprattutto in caso di cuti seborroiche o problematiche: grazie alle sue proprietà disinfettanti purifica il cuoio capelluto e regolarizza la produzione di sebo. Utilizzato per il risciacquo, invece, stimola la ricrescita dei follicoli piliferi ed è pertanto consigliato in caso di calvizie o alopecia. Si può vaporizzare anche sui capelli in quanto grazie al suo pH acido chiude le squame e li rende lucenti.

Origine

Il nostro idrolato di rosmarino proviene dall'Azienda Agricola Casalvento, alle porte di Castellina in Chianti, un paradiso di essenze, profumi e natura.
E' il regno di Lorenzo Domini, medico di professione, che assieme alla moglie Donata e al figlio Alessandro continua una tradizione nata oltre cinquant'anni fa. La tenuta fu acquisita nel 1950 dal padre Giovanni professore universitario e rettore a Siena e nel 1962 iniziò l’avventura con la coltivazione della lavanda, dell’elicriso, delle rose, dell’iris e tante altre piante medicinali e con l’acquisto del primo distillatore iniziò la magia estraendone oli essenziali ed idrolati in corrente di vapore. Gli impianti costruiti dal padre erano diventati obsoleti, perciò Lorenzo ha ricostruito e rimodernato tutto trasformando i vecchi distillatori in strutture all'avanguardia progettate da lui stesso.
La coltivazione e la raccolta seguono le Norme di Buona Pratica Agricola come stabilite per le piante medicinali dalla Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2003 (GACP). Tali norme si basano anche sul rispetto della coltivazione biologica e mirano a garantire il più alto contenuto possibile di principi attivi nel prodotto finale. Il campo viene arato, coltivato, viene fatto lo squadro, orientati i filari, poi l'operazione complicata è quella di togliere le erbacce senza usare i diserbanti. Poi arriva la raccolta e, infine, la distillazione. Per il loro laboratorio sarebbe probabilmente più appropriato usare il termine di Officina Estrattiva, anziché quello di distilleria perché per loro definizione le piante che trasformano sono dette “Piante Officinali”. Il termine deriva dal secolare uso dei vegetali nelle antiche Officine Farmaceutiche per la produzione di principi attivi usati nella cura delle malattie umane ed animali.

Funzione

Antibatterico, energizzante, sebo-equilibrante.

Trovi questo ingrediente in


Hai la passione del fai da te? Raccontaci come realizzi i tuoi cosmetici naturali

Invia la tua ricetta

Prima volta su La Saponaria? Prova i cosmetici in formato mini!

Ordina il minikit

Ti piacerebbe una linea di cosmetici bio con il tuo olio o il tuo marchio?

Produzioni personalizzate

Sei un nostro rivenditore o vuoi sapere come diventarlo?

Vai all’area rivenditori