Siero viso all’uva rossa ad azione antirughe: come farlo in casa

Ecco una semplice ricetta per preparare in casa un siero viso ad effetto rivitalizzante ed antirughe.
Questa formula è un concentrato  di principi attivi come l’estratto d’uva rossa del Chianti, acido jaluronico, vitamina E ed Argan che hanno proprietà antiossidanti, rigeneranti e  idrantanti..un vero trattamento intensivo per donare vigore e freschezza alla pelle di viso e decoltè.
Siete pronte per preparare in casa il vostro elisir di giovinezza?

Preparazione

Preparare il siero viso bifasico è molto semplice: basta versare in un recipiente pulito gli ingredienti nell’ordine dato nella ricetta (fase A + fase B), unirli e poi agitare bene bene..et voilà il vostro siero idratante è pronto!
Si tratta di un siero bifasico perchè appunto è formulato unendo una fase acquosa con principi attivi idrosolubili e da una fase composta da ingredienti liposolubili. Non sono previsti emulsionanti quindi le due fasi, una volta messo a riposare il flacone, si separeranno. E’ necessario quindi, prima di ogni utilizzo, agitare energicamete il flacone in modo che i principi attivi presenti nella fase liposolubile vengano solubilizzati correttamente.
I flaconi più adatti per il siero viso sono quelli di vetro scuro con pipetta contagocce o, se preferite, con tappo a spruzzino.

Modo d'uso

Per avere un buon risultato, applicare quotidianamente mattina e sera, dopo un’accurata detergenza.Applicare su viso e collo con piccoli movimenti circolari.

10 commenti
Scritto da
Luigi

10 Commenti

  1. Roberta says:17 aprile 2012 at 16:32

    Caro Luigi, mi hanno regalato per caso lo scorso Natale dei vostri prodotti e debbo dire che sono veramente buoni. Di te ha fatto sorridere molto il commento “ha partecipato a diversi corsi di specializzazione nel settore cosmetico ed erboristico e non sembra voler smettere”. Continua così. Roberta

    Rispondi
  2. teresa says:24 aprile 2012 at 11:18

    la passione per i cosmetici “fai da te” mi sta diventando impraticabile, grazie ai miei tre splendidi nipotini (dai 5 anni ai 5 mesi), ma questo siero mi sembra interessante.
    E’ nei vostri prodotti già confezionati ?
    ciao Teresa

    Rispondi
    • Luigi says:25 aprile 2012 at 19:16

      Ciao, purtroppo non abbiamo niente di simile fra le cose già pronte! Però questa ricetta è davvero semplicissima, in meno di 5 minuti la puoi realizzare…se vuoi provare..poi facci sapere come ti trovi
      Ciao e grazie

      Luigi

      Rispondi
  3. monica says:2 maggio 2012 at 13:15

    Ciao Luigi,

    mi piacerebbe MOLTO acquistarlo “bello e pronto” sul vostro sito (per farlo dovrei comprare un sacco di cose).
    Che ne dici? Lo fai un pensierino?
    su dai che hai un viso così carino!

    Grazie mille
    ciao ciao
    Monica

    Rispondi
  4. Lucia says:3 maggio 2012 at 13:10

    Monica non sei la prima che ce lo chiede!!
    Ma non è nei nostri programmi immediati quello di inserirlo a listino..chissà forse più avanti un pensierino possiamo farlo ;)

    Rispondi
  5. ilaria says:16 novembre 2012 at 22:23

    ciao, posso fare una domanda? nel siero viso all’uva rossa c’è scritto di mettere 0.1g di conservante, quale devo usare precisamente? voglio provare subito la ricetta! grazie… ah e dove si comprano tutte le materie prime?

    Rispondi
  6. Lucia says:26 novembre 2012 at 07:49

    Luigi, sto pensando di provarlo.Se aggiungessi un po’ di vitamina C farei impazzire la “maionese”?
    Curiosità: l’estratto è fatto con le gemme (come il gemmoderivato), con le foglie o con le bucce dei frutti (tipo mosto…)? Lo fate voi?

    Rispondi
    • Lucia says:28 novembre 2012 at 22:36

      Ciao Lucia,
      la vitamina C puoi aggiungerla (non impazzisce nulla, è un siero bifasico da fare e agitare al momento!) però controlla bene il Ph perchè la vitamina C ha un Ph abbastanza basso e il tutto dovrebbe comunque tornare a ph non inferiore a 4.5..
      L’estratto è fatto con le bucce..non lo facciamo direttamente noi, ma abbiamo creato una collaborazione con un’azienda agricola. Buoni esperimenti!

      Rispondi

Lascia un commento